Addio a Mahmud Darwish


Incatenarono la sua bocca
legarono le sue mani
alla roccia della morte
e dissero: “sei un assassino”.

Gli tolsero il cibo, gli abiti, le bandiere
lo gettarono nella cella dei morti
e dissero: “sei un ladro”.

Lo rifiutarono in tutti i porti
portarono via la sua piccola amata
e dissero: “sei un profugo”.

Oh tu, dagli occhi e le mani sanguinanti!
la notte è effimera,
ne la camera dell’arresto
ne gli anelli delle catene sono permanenti.

Nerone è morto, ma Roma no,
lotta persino con gli occhi!
e i chicchi di una spiga morente
riempiranno la valle di grano.

Un saluto alla voce più bella di Palestina
A Mahmud Darwish

Yasser Arafat, Mahmud Darwish, George Abash nel 1970.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...