Ancora il poeta della rivoluzione


Notte di luna

Paesaggio

Ci sarà la luna.
Ce ne sta
già un pò.
Eccola che pende piena nell’aria.
E’ Dio, probabilmente,
che con un meraviglioso
cucchiaio d’argento
rimesta la zuppa di pesce delle stelle.

(1916)

Fiaba su Cappuccetto rosso

C’era una volta al mondo un cadetto
che portava un rosso cappuccetto.

Fuor del cappuccetto che gli era toccato,
da nessun tratto rosso era segnato.

D’una rivoluzione gli vien detto
e lui subito si infila il cappuccetto.

Se l’erano spassata l’un dopo l’altro
il padre del cadetto e l’avo scaltro.

Un grandissimo vento si levò
e il cappuccetto in pezzi lacerò.

Diventò nero. Ma appena lo videro
I lupi della rivoluzione l’azzannarono.

Tutti conoscono i gusti lupini.
Lo divorarono con tutti i polsini.

Quando, ragazzi, politica farete
la fiaba del cadetto non scordate.

(1917)

Filosofia spicciola su luoghi profondi

Mi sto trasformando
non in Tolstoj, ma in grassone, –
mangio,
scrivo,
tonto dal calore.
Chi non ha filosofato sopra il mare?
L’acqua.
Ieri
l’oceano era maligno
come un diavolo,
oggi
è più mansueto
d’una colomba sulle uova.
Quale differenza!
Tutto scorre.
Tutto si trasmuta.
L’acqua
ha
il suo tempo:
ore di flusso,
ore di riflusso.
Ma dalla penna di Steklov
L’acqua
non si è mai ritirata.
Ingiusto.
Un pesciolino morto
galleggia solitario.
Pendono
le sue pinne
come alette ferite.
Galleggia da settimane,
e non ha casa
nè tetto.
Ci viene incontro,
più lento del corpo di una foca,
il piroscafo dal Messico,
mentre noi
vi andiamo.
Non è possibile altrimenti.
Divisione
del lavoro.
E’ una balena, dicono.
Può darsi.
una specie di Bednyj-pesce,
grosso tre bracciate.
Solo che Dem’jan ha i baffi in fuori
e la balena
in dentro.
Gli anni sono gabbiani.
Prendono il volo in fila,
e giù in acqua,
a impinzarsi di pescetti la pancina.
Sono spariti i gabbiani.
Propriamente parlando,
dove sono gli uccellini?
Io nacqui,
crebbi,
mi nutrirono con il poppatoio,-
ho vissuto
e lavorato,
diventando vecchiotto..
Ed ecco anche la vita passerà
come sono passate
le isole Azzorre.

(3/VII/1925 Oceano Atlantico)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...